Giu 9, 2014 - eleganza    No Comments

Firenze: Maestro orafi in Toscana

L’Associazione Toscana Cultura, in collaborazione con l’Associazione Casa Benvenuto Cellini, ha previsto la pubblicazione, nella collana “Artisti in Toscana” in coedizione con Masso delle Fate Edizioni, del volume “Maestri Orafi in Toscana” che sarà curato da Francesca Del Magro.

“Maestri Orafi in Toscana” sarà interamente in quadricomia e si comporrà di 160 pagine con copertina plastificata (sempre in quadricomia) di formato 17×24.

Sarà riservato solo a 70 orafi che avranno a disposizione 2 pagine ciascuno dove potranno essere inserite le foto dei lavori, testi biografici e critici e i riferimenti (indirizzo di studio e/o abitazione, telefoni, sito, mail, ecc.).

L’inserimento sarà a titolo gratuito non avendo l’ associazione finalità di lucro. Per coprire le mere spese di tipografia, viene richiesto l’acquisto di 10 per ciascun maestro orafo al prezzo scontato di 7,5 euro a copia (contro i 15 del prezzo di copertina).

Il libro verrà presentato allo storico Caffè letterario delle Giubbe Rosse di Firenze nei primi giorni del prossimo settembre e successivamente in altre località della Toscana. Il materiale dovrà essere inviato alla curatrice su CD o chiavetta o via email,entro il giorno 15 luglio.

La tiratura sarà di 1.000 copie interamente distribuite; inoltre è previsto l’inserimento integrale del volume nel sito dell’associazione, che attualmente vanta quasi 180 mila visite, alla sezione “Artisti in Toscana”, dove è possibile visionare e scaricare le nove pubblicazioni già uscite.

Per ulteriori informazioni, adesioni ed eventuale inoltro del materiale da pubblicare, è necessario contattare la sede di Toscana Cultura in via Valdichiana 42 a Firenze (055.9336468) tutti i giorni dalle 9 alle 12, escluso il sabato e la domenica, rivolgendosi alla nostra coordinatrice editoriale Lucia Raveggi (lucia.raveggi@toscanacultura.it).

 

Firenze: Maestro orafi in Toscanaultima modifica: 2014-06-09T14:26:56+02:00da freguggia12
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento