Lucca: Il Desco vince

desco folla secondagiornata  
Un riconoscimento confermato dalle quasi diecimila presenze registrate appena nei primi due giorni de Il Desco – neanche il maltempo ha fermato le migliaia di partecipanti e di curiosi – e che arriva dopo pochi giorni dall’inserimento della manifestazione lucchese tra i primi posti nella classifica delle iniziative più votate sul web per gradimento e interesse.
Ma non è finita. L’iniziativa sui saperi e sui sapori lucchesi più attesa dell’anno – organizzata dalla Camera di Commercio di Lucca – ha ricevuto un ulteriore riconoscimento: un servizio realizzato da Tgcom 24 stamani (mercoledì 19 novembre) sulle pagine del sito web della testata giornalistica targata Mediaset.
“É una soddisfazione immensa – spiega il Vicepresidente della Camera di Commercio, Ademaro Cordoni – non possiamo che essere fieri di questo premio perché è la giusta ricompensa di un intenso lavoro compiuto dalla Camera per promuovere Lucca in tutte le sue forme, in tutte le sue bellezze. Il Desco è sicuramente una delle maggiori manifestazioni per la promozione e la tutela dei prodotti e delle produzioni enogastronomiche lucchesi, ma è anche una riscoperta delle tradizioni, è la voglia di riscoprire e tutelare una parte della storia, della cultura della nostra città, una città che sempre più si sta affacciando nel mondo per qualità ed eccellenza. Ecco, il premio è la conferma del nostro sforzo e della nostra passione, per questo ci riempie di orgoglio”.
Il premio arriverà questo fine settimana: gli organizzatori di Weekendagogo infatti parteciperanno al Desco domenica 23 novembre per consegnare la targa e realizzare un reportage video-fotografico che verrà poi distribuito sul web e sulle maggiori piattaforme di social network.
Ma le soddisfazioni non finiscono qui: Il Desco 2014 ha infatti ottenuto il patrocinio di Expo Milano 2015, una vetrina internazionale per nuove opportunità commerciali e di business.
Lucca: Il Desco vinceultima modifica: 2014-11-20T08:51:04+01:00da freguggia12
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento