Browsing "a volte ritornano"
Mar 4, 2015 - a volte ritornano    No Comments

Carrara (e Massa): Zone franche urbane?

Sono state rifinanziate le Zone Franche Urbane ed è imminente l’emanazione del decreto attuativo da parte del ministero dello Sviluppo economico riguardanti le annualità 2015 e 2016.

Per parlarne con amministratori e tecnici, l’Anci, l’Associazione nazionale dei Comuni d’Italia, ha promosso nei giorni scorsi a Roma un incontro tra sindaci e ministero dello Sviluppo economico, rappresentato dal direttore generale Carlo Sappino.
Cosa sono e cosa prevedono in facilitazioni per le imprese a questo linkhttp://www.dps.tesoro.it/zone_franche_urb…/zfu_cosa_sono.asp

"TORNANO PER MASSA E CARRARA LE ZONE FRANCHE URBANE. Sono state rifinanziate le Zone Franche Urbane ed è imminente l’emanazione del decreto attuativo da parte del ministero dello Sviluppo economico riguardanti le annualità 2015 e 2016. Per parlarne con amministratori e tecnici, l’Anci, l’Associazione nazionale dei Comuni d’Italia, ha promosso nei giorni scorsi a Roma un incontro tra sindaci e ministero dello Sviluppo economico, rappresentato dal direttore generale Carlo Sappino.
Cosa sono e cosa prevedono in facilitazioni per le imprese a questo link http://www.dps.tesoro.it/zone_franche_urbane/zfu_cosa_sono.asp"
 
Feb 25, 2015 - a volte ritornano    No Comments

Lucca: Giorgio Marchetti

Alla libreria-caffè letterario LuccaLibri è in programma domenica (1 marzo) alle 18 un omaggio alla penna umoristica di Giorgio Marchetti. Un tributo non convenzionale e spontaneo, per ridere una volta di più insieme a lui e riflettere sui ritmi che una scrittura, per far ridere, deve essere capace di modulare.

Ci sono insospettabili dettagli del quotidiano che trattengono una loro forza comica: vederli e saperli raccontare era una delle arti di Giorgio Marchetti.

L’idea è nata leggendo le tredici poesie contenute ne “Il bulanchio e altre stranezze”, opera prima dello scrittore, proprio nei giorni in cui la libreria stava mettendo a punto la programmazione del ciclo “I cantieri poetici”. Questo omaggio, dopo l’incontro sui poeti della generazione anni ’80 e quello sui poeti di collina, è il terzo cantiere poetico. Versi veloci, quelli del Bulanchio, che culminano con una freddura o un piccolo, atroce paradosso e che saranno letti domenica, alle 18, da Ugo Manzini – attore e insegnante di recitazione lucchese che da anni propone ai suoi studenti gli scritti di Marchetti per fare esercizio sulla punteggiatura e sui tempi dell’umorismo. E ancora verranno condivisi passi da “Il grande Milvio”, “Il caffè del Borzacchini”, “Il nuovissimo galateo” e “La metamorfosi del bignè”.

Due giovani scrittori molto vicini al nostro Ettore Borzacchini (uno dei nomi d’arte di Marchetti) hanno volentieri accettato di essere presenti domenica, per raccontarlo dal loro punto di vista. Sono Michele Cecchini, con il quale Marchetti aveva condiviso l’esperienza di Aperte virgolette, programma radiofonico di Quiradio.it, e Marco Malvaldi, autore pisano dei divertenti gialli risolti dagli anziani sveglissimi del BarLume che ha scritto del suo “maestro” nell’Almanacco Sellerio 2014/15.

Chi volesse leggere alcuni passi di Giorgio Marchetti, di Ettore Borzacchini o di Pierin Lucchese non ha che da portarli con sé domenica. L’ingresso è libero.

Feb 20, 2015 - a volte ritornano    No Comments

Lucca: Una targa per Pannunzio

 Lodovico Poschi Meuron
scopertura-targa-pannunzio-bucasantantonio-180215 I rappresentanti dell’archivio storico del “Centro Pannunzio” hanno consegnato alla Biblioteca Statale di Lucca le due annate (1952, 1957) del settimanale «Il Mondo» a completamento della raccolta. Presente anche il giornalista e scrittore statunitense Alan Friedman, insignito, quest’anno, del “premio Mario Pannunzio” per la sua vicinanza allo spirito e al pensiero del giornalista lucchese e a quello del suo settimanale.
La manifestazione è proseguita con l’inaugurazione di una “targa ricordo “all’ingresso dello storico ristorante “Buca di Sant’Antonio”, locale molto amato da Pannunzio che lo frequentava insieme ad Arrigo Benedetti ed altri intellettuali lucchesi. E’ stato lo stesso sindaco Tambellini, con tanto di fascia tricolore, a scoprire la targa insieme naturalmenteb al patron della Buca Giuliano Pacini.
Feb 17, 2015 - a volte ritornano    No Comments

Lucca: Da Parigi alla Toscana

 

LUCCA, 16 febbraio – L’Archivio di Stato di Lucca e l’Associazione “Napoleone ed Elisa: da Parigi alla Toscana” organizzano sabato 28 febbraio alle 16,30 presso l’Archivio di Stato (piazza Guidiccioni, 8) un pomeriggio napoleonico dedicato all’anniversario della partenza di Napoleone dall’Elba “27 febbraio 1815: tre donne lucchesi nella grande Storia”.

Coordinerà l’incontro il giornalista e conduttore televisivo Paolo Del Debbio.Gabriele Paolini, dell’Università di Firenze riferisce le vicende degli ultimi giorni di Napoleone all’Elba utilizzando le testimonianze rese da tre donne lucchesi alla Polizia di Piombino.

Dai loro interrogatori affioravano particolari che rivelavano i preparativi e la partenza di Napoleone. A Bernard Chevallier direttore onorario dei Musées Nationaux de Malmaison et Bois-Préau è affidato il compito di presentare una “sorpresa” molto particolare, un oggetto personale che Napoleone dimenticò nel suo appartamento privato ai Mulini al momento della sua partenza dall’Elba. Solo recentemente ritrovato, verrà presentato per la prima volta al pubblico.

L’iniziativa è realizzata con la collaborazione della Provincia di Lucca, del Real Collegio di Lucca ed il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e di privati.


@LoSchermo

Pagine:«1234567...33»