Browsing "alta cultura"
Feb 11, 2015 - alta cultura    No Comments

Carrara: Lucilla Meloni

Sala del Campionario dei marmi - veduta del bassorilievo in gesso realizzato da Cesare Poli, 1934. Foto Gabriele Menconi

Sala del Campionario dei marmi – veduta del bassorilievo in gesso realizzato da Cesare Poli, 1934. Foto Gabriele Menconi

Ogni società, come ogni individuo, vive attraverso la memoria.
Senza memoria non c’è durata, non c’è anima. Il problema
dell’archivio è legato alla memoria e al passato, anche quando
l’archivio è l’archivio del presente.
Umberto Eco

Questa mostra nasce dalla volontà di riportare alla luce un cospicuo numero di opere del Patrimonio dell’Accademia di Belle Arti di Carrara, che in parte era invisibile o solo poco fruibile e si colloca idealmente in continuità con il convegno organizzato nel 2013 presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli sui Patrimoni delle Accademie di Belle Arti italiane.
L’idea, nata in seguito alle ricerche effettuate sui rispettivi ambiti di studio dai singoli curatori, storici dell’arte e docenti dell’Accademia, si è andata formalizzando in un progetto più vasto e collettivo che ha portato al nuovo allestimento permanente di alcune opere negli spazi di Palazzo Cybo Malaspina e all’esposizione di preziosi documenti e materiali grafici e librari facenti parte del Fondo Antico e dell’Archivio Storico della Biblioteca.
Il primo intento è stato dunque quello di rimettere in rapporto e in dialogo le opere costituenti uno stesso Patrimonio, che nel tempo sono state dislocate o addirittura occultate, giacché il Patrimonio coincide con la storia stessa dell’Accademia, e, in parte, anche con la storia della città di Carrara.
Perciò andare a ricercare le date di entrata di alcuni pezzi nella nostra collezione, come nel caso del gruppo dei Niobidi, correggendo precedenti ipotesi storiografiche (saggio di L. Pisani), “scoprire” dal Fondo Antico un disegno di Bartolomeo Pinelli di cui non si aveva memoria e collegare due lettere di Lorenzo Bartolini alla realizzazione del suoMonumento a Nicola Demidoff (saggio di M. Ciampolini), ha permesso, secondo la metodologia della storia dell’arte, di portare alla luce tesori archivistici “ancora parlanti”. Presentare al pubblico pregiati e rari materiali librari, stampe e volumi (saggio di G. Bombarda) è stata un’ulteriore occasione per valorizzare la nostra preziosa Biblioteca, della cui formazione e del cui sviluppo parla nel suo testo Ines Berti.
Dal punto di vista dei beni mobili, riassemblare le collezioni di dipinti dell’Ottocento che nel tempo erano state smembrate, rendere nuovamente visibili opere fino a oggi occultate da strutture posticce, come l’ottocentesco Altare degli Uomini Illustri, presentare ex-novo una sala con opere scultoree degli anni Trenta che finalmente hanno trovato un luogo dignitoso ad accoglierle, ripercorrere là dove possibile il grande progetto di allestimento che fu negli anni Trenta del Presidente dell’Accademia Adolfo Angeli, ricoprire di quadri e di incisioni le pareti che fino a ieri erano vuote, presentare, restaurati, i Pugilatori di Canova e alcune statue del gruppo dei Niobidi, riportare alla vista i disegni architettonici degli anni Trenta del Professore di Architettura Ugo Prayer Galletti e dei suoi allievi, apprezzati da Filippo Tommaso Marinetti come esempio di giovane “genialità futurista”, creare la galleria dei busti degli Uomini Illustri che, già restaurati, non avevano ancora trovato una appropriata collocazione (vedi saggio di A. Laghi) è un tentativo di volgersi alla storia per riattualizzarla.
Se ogni opera rivive infatti nel nuovo sguardo che la sfiora, che la attraversa, che la accarezza, restituire la vita, cioè la visibilità, a quelle opere, è stato il nostro primo, più importante, progetto.

Lucilla Meloni (a cura di), L'Accademia di Belle Arti di Carrara e il suo patrimonio

 

 

Feb 11, 2015 - alta cultura    No Comments

Prato: Cambiamenti

Che cosa succede oggi quando alle nuove generazioni di architetti viene data la possibilità di realizzare i propri progetti, che riguardano ad esempio la riqualificazione di vaste aree, in tempi rapidissimi e con una manodopera a basso costo? Il vertiginoso sviluppo ha trasformato la Cina in uno di quei paesi dove viene data tale possibilità. Perché in alcuni casi si è trattato di costruire con rapidità intere città. Una simile opportunità può portare con sé rischi e responsabilità e pone questioni importanti. È possibile costruire senza dimenticare le proprie radici, tradizioni? Quanto è necessario cancellare le vestigia del passato per costruire le architetture del presente? Quali le previsioni per il futuro?

L’architetto e professore Yung Ho Chang, fondatore nel 1993 dell’Atelier Feichang Jianzhu (FCJZ) è tra i protagonisti consapevoli di questo rinnovamento. Un intellettuale che ha vissuto, e vive, tra due grandi potenze del nostro tempo: Stati Uniti e Cina, Occidente ed Estremo Oriente.

Nell’incontro dal titolo La città perduta. L’ architetto tra tradizione e innovazione, Chang dialogherà con l’architetto Marco Brizzi su come il proprio mestiere si sia modificato negli ultimi anni e sul delicato equilibrio tra tradizione e innovazione nell’architettura contemporanea.

Ingresso libero. L’accesso all’incontro dai rinnovati spazi del Centro.

 

Feb 10, 2015 - alta cultura    No Comments

Lucca: Franco Cardini

Si svolgerà mercoledì 11 febbraio alle ore 18,30 nella Sala Assemblea dell’Associazione Industriali di Lucca, un incontro con il  Prof. Franco Cardini, La Convivialità a tavola. Affari e cibo, conversazione introno ai temi del suo ultimo libro, L’appetito dell’Imperatore. Storie e sapori segreti della Storia, (Mondadori 2014). La conferenza, rientra nel ciclo promosso dal Lions Club Lucca Host che nell’annata 2014 – 2015, sotto la presidenza di Maria Stuarda Varetti ha organizzato un interessante serie tutta dedicata al tema dello ‘stare insieme’.

Moderatrice dell’incontro la presidente dell’Associazione degli Industriali della Provincia di Lucca Cristina Galeotti  che, dopo gli onori, di casa introdurrà il pubblico al tema del bel libro di Cardini, ricco di tanti spunti storici e narrativi. Sollecitato dalle domande di Francesca Fazzi e Eva Perini, Franco Cardini non mancherà di mettere in campo la sua duplice esperienza di storico e di gourmet. Dall’ultimo pasto di San Francesco, alla sontuosa tavola di Honoré de Balzac, dai cibi raffinatissimi del banchetto del Gran Khan alle uova con cipolle e scalogno care a Napoleone,  spaziando, come solo uno storico del suo calibro  può permettersi di fare, dal Medioevo ai totalitarismi novecenteschi, l’incontro si preannuncia ricco di stimoli e di curiosità, gastronomiche ma non solo.

@loschermo

Gen 31, 2015 - alta cultura    No Comments

Carrara: I Giochi della Geografia

(AdnKronos) – I giochi sono divisi in tre parti: puzzle di cartine geografiche (a squadre di quattro, tutte individuate con un diverso nome di città), coordinate geografiche (a squadre di tre), giochi al computer (uno studente per squadra). Per la squadra vincitrice è in palio un soggiorno nel parco nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano; per gli altri, materiale didattico e geografico.

Alla manifestazione, insieme ad autorità locali e docenti universitari, assisterà l’assessore regionale all’Istruzione Emmanuele Bobbio che sottolinea l’importanza delle geografia “in un mondo sempre più interconnesso e globale dove gli avvenimenti geo-politici-economici, anche se apparentemente lontani, sono destinati ad avere riflessi sempre maggiori anche nelle dimensioni locali”.

Nella secondaria di primo grado le ore di geografia, oggi, lamentano gli organizzatori, si sono ridotte (3 ore settimanali insieme a storia): la geografia comincia a essere insegnata meno anche nelle primarie e per nulla in molte scuole secondarie di secondo grado. “Oltre che a far divertire i ragazzi – sottolineano dalla scuola di Carrara – la manifestazione ha lo scopo di attirare l’attenzione dell’opinione pubblica e dei decisori politici sull’importanza dell’insegnamento della geografia in tutti gli ordini di scuola”.

Questo sito utilizza c

Gen 27, 2015 - alta cultura    No Comments

Lucca: I Lincei

Alcuni grandi nomi della cultura italiana saranno Lucca per un importante ciclo di conferenze. Il prossimo venerdì 13 febbraio prenderà il via “Incontri con le eccellenze” una serie di conversazioni dedicate a cultura, all’urbanistica, dall’economia all’ambiente, dalla politica all’istruzione organizzate grazie alla collaborazione fra Accademia Nazionale dei LinceiComune di Lucca eFondazione Banca del Monte di Lucca.

Sei appuntamenti di sicuro interesse culturale e scientifico pensati per un vasto pubblico e che si terranno da febbraio a maggio nell’auditorium della Fondazione Banca del Monte di Lucca in piazza San Martino. A presentare l’iniziativa Alberto Del Carlo, presidente della Fondazione, il sindaco Alessandro Tambellini e il presidente dell’Accademia dei Lincei Lamberto Maffei.

“L’idea di portare a Lucca grandi personalità intellettuali e scientifiche – spiega Alberto Del Carlo, presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca – è nata durante la giornata delle eccellenze, rivolta ai giovani, che abbiamo realizzato insieme al Ministero la scorsa primavera. In quel contesto abbiamo stabilito di realizzare a Lucca anche una serie di appuntamenti di grande interesse rivolti al pubblico”.

“Il presidente dei Lincei – sottolinea il sindaco Alessandro Tambellini – è una personalità di spicco della ricerca scientifica internazionale e anche un lucchese doc, per questo ci siamo rivolti a lui per scegliere i temi e i personaggi degli incontri, tutti di grande rilevanza sia nazionale che europea. Il progetto è quello di realizzare, nel tempo, una sorta di appuntamento fisso, nella nostra città, per trasformarla in un luogo d’incontro e dibattito sui più attuali temi della scienza e della ricerca, promuovendo, al contempo, Lucca in ambito culturale”.

Lucca è una città ricca di tesori e di energie – afferma il presidente dell’Accademia dei Lincei, Lamberto Maffei -, anche culturali. E sicuramente è una delle più belle città d’Italia. Presenta tutte le caratteristiche per essere una perfetta sede per ospitare incontri di altissimo livello e i nomi scelti, in qualche modo, hanno tutti una sorta di legame con la città”.

Tanti i nomi attesi, di livello nazionale, che proporranno spunti di riflessione su molti aspetti di attualità: dall’ambiente all’istruzione fino all’economia. Ad aprire il ciclo, venerdì 13 febbraio alle 17,30, sarà il capo dipartimento della Protezione CivileFranco Gabrielli con “Il territorio: rischi, provvedimenti e soluzioni”.

Lunedì 23 febbraio, alle 10,30 sarà il ministro Stefania Giannini a sviluppare l’incontro intitolato “Ripensare l’istruzione per il domani”.

Anche Giuliano Amato parteciperà a “Incontri con le eccellenze” con “Sul mondo, sull’Europa, sull’Italia” in programma sabato 21 marzo alle 17,30.

Sabato 18 aprile alle 18,30 sarà invece la volta del presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei, Lamberto Maffei, ad incontrare il pubblico durante la conferenza “L’ambiente, l’uomo e il cervello”.

Venerdì 8 maggio Paolo Portoghesi parlerà di urbanistica. A chiudere il ricco programma l’economista Albero Quadrio Curziosabato 16 maggio alle 17,30 con il tema “L’Italia tra società civile ed economia reale”:

L’Accademia dei Lincei è la più antica accademia scientifica al mondo – annovera tra i suoi primi Soci Galileo Galilei – a cui è stato accordato, dall’ex Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, l’Alto Patronato permanente. Fine istituzionale dell’Accademia è “promuovere, coordinare, integrare e diffondere le conoscenze scientifiche nelle loro più elevate espressioni nel quadro dell’unità e universalità della cultura“. A tale scopo organizza congressi, conferenze, convegni e seminari nazionali e internazionali e partecipa, con i propri soci, ad analoghe manifestazioni italiane e straniere. Inoltre promuove e realizza attività e missioni di ricerca.

@loschermo

Gen 21, 2015 - alta cultura    No Comments

Firenze: Alla Fondazione Stensen

Dopo molti lavori, lo Stensen si rinnova diventando uno spazio culturale integrato con il Caffè Libreria Alzaia.
Venerdì 23 gennaio l’inaugurazione ufficiale.
E il weekend all’insegna del coordinamento tra le varie attività, con film in anteprima, cibo, libri e conferenze:

Venerdì 23 gennaio
Ore 19.30 Inaugurazione del Caffè Libreria Alzaia
Ore 21.30 Anteprima di Gemma Bovery di Anne Fontaine

Sabato 24 gennaio
Ore 15.30 Conferenze del Novembre Stenseniano: Le passioni sportive con Giovanni Boniolo e Le solidarietà e condivisioni sociopolitiche con Emilio Barucci
Ore 20.00 e 22.00 Il nuovo film Difret di Zeresenay Berhane Mehari

Domenica 25 gennaio
in collaborazione con Fondazione Palazzo Strozzi, Odeon Firenze e Quelli della Compagnia ore 11.00 Anteprima di Turner di Mike Leigh – con possibilità di brunch a seguire

Stensen|CINEMA
Gemma Bovery di Anne Fontaine (Francia 2014, 99′)
Da 7 anni Martin Joubert ha lasciato Parigi per la provincia. Panettiere annoiato e cultore di Flaubert, la sua vita si anima quando arrivano i nuovi vicini di casa: lei si chiama Gemma Bovery, lui Charles Bovery. Eccitato dalla coincidenza, Martin diventa fanatico ammiratore di Gemma, che sembra proprio incarnare l’eroina dei suoi sogni.
Proiezione unica, in anteprima, venerdì 23 ore 21:30.

Turner di Mike Leigh (Gran Bretagna 2014, 149′)
Un biopic sull’artista britannico J.M.W. Turner, emblema della pittura romantica, raccontato nell’ultimo periodo della sua vita. La battaglia umana per la conquista dell’arte, il genio e le contraddizioni di uno dei più grandi paesaggisti di tutti i tempi.
Presentando questa newsletter si avrà diritto al prezzo speciale di € 4,50 per l’anteprima di domenica 25 ore 11.00 al Cinema Stensen (con possibilità di brunch a seguire) e di € 6,00 giovedì 29 al Cinema Odeon, dove sarà in programmazione in lingua originale fino al 1 febbraio. Da non perdere domenica 25 anche l’ultimo giorno della mostra Picasso e la modernità spagnola a Palazzo Strozzi (orario straordinario 9.00-23.00 dal 22 al 25 gennaio).

Difret di Zeresenay Berhane Mehari (Etiopia, Usa 2014, 99′)
La storia vera di Hirut, ragazzina etiope che sfida le leggi della Telefa (il rapimento a scopo di matrimonio), e di una giovane donna avvocato che l’aiuta a difendersi. Un film coraggioso che evidenzia il difficile passaggio dalle consuetudini della tradizione alle garanzie della legge per il rispetto della dignità umana e dei suoi diritti inviolabili.
Coprodotto da Angelina Jolie, ha vinto numerosi Premi internazionali, tra cui i Premi del Pubblico al Sundance e a Festival di Berlino.

Hannah Arendt di Margarethe von Trotta (Germania, Lussemburgo, Francia 2012, 113′)
A grande richiesta, per la Giornata della Memoria replichiamo il film di Margarethe von Trotta uscito l’anno scorso con molto successo. Fuggita dagli orrori della Germania nazista, la filosofa Hannah Arendt trova rifugio a New York. Collaboratrice di alcune testate giornalistiche, si trova a seguire da vicino il processo contro Adolf Eichmann, da cui prenderà spunto per scrivere La banalità del male.

CinemaEros Filia Agape. Le relazioni umane oggi
Il caso Kerenes di Calin Netzer (Romania 2013, 112′)
Cornelia è una donna ricca e potente che si prende cura del figlio Barbu con attaccamento maniacale. Quando Barbu viene coinvolto in un tragico incidente, Cornelia fa di tutto per evitargli il carcere. Orso d’Oro a Berlino 2013.
Terzo martedì ore 21.00 per discutere insieme delle varie forme che l’amore assume nella società di oggi.

Stensen|CULTURA
Novembre Stenseniano
Il percorso Eros, Filìa, Agape – Le relazioni umane oggi prosegue con l’analisi degli aspetti socio-culturali. Questo sabato ore 15.30: Le passioni sportive con Giovanni Boniolo e Le solidarietà e condivisioni sociopolitiche con Emilio Barucci.

Per maggiori informazioni visita il nostro sito.
PROGRAMMA

Venerdì 23 gennaio
Inaugurazione del Caffè Libreria Alzaia (ore 19.30)
Gemma Bovery (ore 21.30) – anteprima

Sabato 24 gennaio
ConferenzeEros Filia Agape – Le relazioni umane oggi (ore 15.30)
Difret (ore 20.00 – 22.00)

Domenica 25 gennaio
Turner (ore 11.00) – anteprima
Difret (ore 16.00 – 18.00 – 20.00 – 22.00)

Lunedì 26 gennaio
Hannah Arendt (ore 16.30 – 18.40 – 21.00) – vo sott ita

Martedì 27 gennaio
Hannah Arendt (ore 16.30 – 18.40) – vo sott ita
CinemaEros, Filia, Agape – Le relazioni umane oggi: Il caso Kerenes (ore 21.00)

Mercoledì 28 gennaio
Difret (ore 17.00 – 19.00 – 21.00)

 

Gen 16, 2015 - alta cultura    No Comments

Lucca: Franco Cardini

Il Volto Santo fra Lucca e l’Europa» è questo il titolo del convegno di studi per la presentazione del progetto «ARVO – Archivio digitale del Volto Santo» che si svolgerà domani 16 gennaio dalle 17 a Villa Bottini, in via Elisa a Lucca.

Interverranno Ilaria Sabbatini della Società internazionale per lo studio del medioevo latino – Dal manoscritto alla rete, il progetto ARVO e le sue prospettiveFrançois Touati dell’Università di Tours – Da San martino a sant’Anselmo di Lucca la rivoluzione ospedaliera del medioevo;Agostino Paravicini Bagliani della Società internazionale per lo studio del medioevo latino – Il papato medioevale e le icone di CristoGabriella Piccinnidell’Università di Siena – Ospedali e pratiche di riconoscimento dei viaggiatori lungo la via Francigena; e Franco Cardini dell’Istituto Italiano di Scienze umane e Scuola normale superiore di Pisa – Il Volto Santo e le reliquie-immagini nella storia del pellegrinaggio.

ll progetto ARVO si propone di aggregare in rete centinaia di migliaia di documenti scritti e immagini che riguardano il Volto Santo e la sua devozione in Europa assieme alle tracce dei principali pellegrinaggi che vedevano Lucca e il suo ‘crocifisso nero’ come una delle tappe intermedie più importanti. L’archivio digitale nella sua fase iniziale è già consultabile sul sito webhttp://www.archiviovoltosanto.orgdove la parte bibliografica generale ha già raggiunto una ragguardevole completezza. Ma il progetto non si ferma qui, perché come previsto nella migliore pratica interattiva, il portale avrà una sua stretta relazione con i monumenti e i luoghi del territorio lucchese e di quelli italiani ed europei che aderiranno andando a promuovere e far conoscere a tutti anche le emergenze minori delle vie di pellegrinaggio. A supporto della raccolta social di documenti visivi sul culto del Volto Santo è stato aperto anche un accaunt Pinterest dedicato.

Il convegno è organizzato dall’associazione Mons Gaudii con la partnership di SISMEL, Complesso museale e archeologico della Cattedrale di Lucca, l’Archivio di Stato di Lucca, università di Siena e Tours con il patrocinio di Comune di Lucca, Arcidiocesi di Lucca, Istitito Storico Lucches, Istituto Italiano per lo studio del medioevo, Italia medievale e con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

loschrmo

Pagine:«1234567...51»